Pierre. In ricordo del mio amato cane.

Con profonda tenerezza Yoram Kaniuk ci parla del suo cane, Pierre, e del dolore per la sua perdita. Le parole scorrono, i ricordi prendono vita accompagnati dai delicati disegni di Karen Lee Vendriger. “Il nostro Pierre non è nato. Si è partorito da solo in un bidone dell’immondizia”. Dal ritrovamento, all’amore particolare per la figlia dell’autore, dalla festa per il suo bar-mitzvà, alla relazione intima e telepatica sviluppata nei bellissimi anni di convivenza, tutto il racconto “è la narrazione di una storia d’amore tra gli umani e gli animali”. Come dice Paolo De Benedetti, nella postfazione, “l’amore che un animale esprime è totale perchè non è soggetto alle complicazioni dell’amore umano”. Un cane si lega con questo amore incondizionato al suo padrone. Anche quando gioca e corre via, torna a controllare che il suo padrone sia sempre lì, può  aspettare il suo ritorno per un tempo infinito, con devozione, come succede a Pierre, come già Argo aveva atteso Ulisse resistendo alla morte.

L’ho letto tutto d’un fiato, già sapendo che avrebbe fatto riaffiorare il ricordo del mio cane, il mio dolcissimo gigante Hagrid. Ho condiviso con lui momenti di gioia, tenerezza e, alla fine, di profondo dolore di fronte ad una terribile e invincibile malattia, che me l’ha portato via. Gli sono stata accanto fino all’ultimo respiro e gli sono ancora grata per avermi coccolata, fatta ridere, stuzzicata, per aver accettato incertezze e inutili sgridate, per essere stato un vero amico, per essere diventato il super eroe di mio figlio.

Si stupirà, forse, chi non ha avuto un cane al suo fianco, se confesso, che ancora adesso, mentre scrivo, sento scorrere una lacrima di commozione e nostalgia. Dopotutto era solo un animale, mi hanno detto. Certo era un animale, un essere che come me, come noi, è contraddistintoIMG_0044 da una qualità fondamentale: il respiro, l’anima, l’anemos, il soffio vitale che condividiamo con gradi diversi di responsabilità e consapevolezza. Vi sembra poco?

Hai proprio ragione Yoram: “Ci sono forse uomini, bambini, pesci, uccelli o cactus capaci di capire il dolore che ci afferra quando il cane amato muore? Come si apra una voragine profonda e non ci sia niente con cui riempirla?».

 

Yoram Kaniuk, Pierre. In ricordo del mio amato cane, Giuntina, Firenze 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.